Instax SQUARE SQ6: recensione completa

Oggi parliamo di una fotocamera istantanea che si differenzia in maniera netta da tutte quelle che l’hanno preceduta, perlomeno in casa Fujifilm. Mi riferisco alla Instax SQUARE SQ6, rilasciata sul mercato nell’estate del 2018.

Perché è così diversa dalle altre Instax? Perché non è Mini, e non è nemmeno Wide. È quadrata, sia nella struttura che nel formato delle foto che permette di scattare.

Non ha nulla a che vedere con l’aspetto giocattoloso della Mini 8, anzi. Somiglia molto di più alla Mini 90, ha praticamente lo stesso look raffinato e retrò.

In questa recensione della Instax Square SQ6 parleremo delle sue caratteristiche tecniche, della qualità delle immagini e infine vedremo se davvero vale la pena investire dei soldi per acquistarla.

Cominciamo!

Design e struttura della Instax SQUARE SQ6

È bella, elegante e compatta. Ma la caratteristica che salta subito all’occhio è il suo formato quadrato.

La SQ6 è infatti la prima fotocamera della serie Instax a utilizzare il formato 1:1, esattamente come quello delle immagini che ogni giorno vengono pubblicate su Instagram.

La fotocamera è quindi più grande rispetto alle sorelle minori Mini 8, 9, 70 e 90, ma più piccola rispetto all’enorme Instax Wide 300 di cui ho parlato in un’altra recensione. Diciamo pure che la SQ6 è il giusto compromesso fra leggerezza, ergonomia e praticità.

Nella parte frontale della fotocamera c’è l’obiettivo retrattile, che è anche dotato di specchietto per i selfie e sensori di regolazione della luce.

Vediamo poi il pulsante di scatto, il mirino e un led che scandisce il conto alla rovescia dell’autoscatto. C’è anche il flash, su cui è possibile applicare dei filtri colorati (verde, arancione e viola) per variare la temperatura di luce delle fotografie.

Sul retro della Instax SQ6 abbiamo invece il tasto mode (che serve a selezionare le diverse modalità di scatto), il timer per l’autoscatto (che dura 10 secondi) e il pulsante per disattivare il flash. In basso a destra c’è una piccola finestrella che mostra il numero delle pellicole che ci rimangono da utilizzare. E, naturalmente, c’è anche il vano per inserire la cartuccia delle pellicole.

La Instax SQUARE SQ6 funziona con due batterie al litio di tipo CR2, da collocare nell’apposito vano situato nella parte laterale destra della fotocamera. Hanno un’autonomia lunghissima, pari a circa 300 scatti + stampa.

Il pulsante di accensione si trova nella parte superiore, insieme alla fessura da cui escono le foto.

Nella parte inferiore, invece, c’è l’attacco per il treppiede (una delle novità introdotte da questa macchina).

Attenzione però, perché il foro è decentrato: ti consiglio di utilizzare solo cavalletti di buona qualità, altrimenti il peso della fotocamera non verrà distribuito in maniera ottimale. Detto in parole povere, rischi di farla cadere se utilizzi un treppiede da due soldi oppure uno di quelli per gli smartphone.

La Instax SQUARE SQ6 è realizzata completamente in plastica. A prima vista sembra leggera e al contempo resistente agli urti. Pesa solo 393 grammi (senza pellicole) ed è comodissima da portare nella borsa o nello zaino, al contrario della Wide 300.

Se vuoi essere certo di non rovinarla nemmeno per sbaglio, puoi sempre acquistare una custodia per proteggerla dagli urti.

Instax SQ 6: Scheda Tecnica

Gli scatti eseguiti con la SQ6 sono quelli che più mi ricordano le vecchie Polaroid di qualche decennio fa, quantomeno nel formato. Non mi stupisce che questa macchina fotografica abbia fatto breccia nel cuore degli appassionati di istantanee vintage.

Per completezza di informazione, voglio comunque riportare le principali caratteristiche tecniche di questa fotocamera istantanea analogica:

  • Tre modalità di messa a fuoco (macro, automatica e paesaggio)
  • Obiettivo: lente retrattile, 2 componenti, 2 elementi. F = 65,75 mm, 1:12,6
  • Tempo di sviluppo: 90 secondi circa
  • Controllo esposizione: automatica (ISO 800)
  • Autoscatto a controllo elettronico (circa 10 secondi di tempo)
  • Flash incorporato
  • Alimentazione: due batterie al litio CR2, non ricaricabili

Non mi soffermerei troppo su questo punto, perché invece c’è molto da dire sulle diverse modalità di scatto che la Instax SQUARE SQ6 propone.

Fotografare con la Instax SQ6

La prima cosa da dire è che il mirino della fotocamera è decentrato rispetto alla lente, una caratteristica comune a tutte le fotocamera istantanee. Questo significa che potresti avere qualche difficoltà a centrare il tuo soggetto nell’inquadratura al primo colpo.

Supponiamo che il tuo intento sia quello di fotografare una tazza di caffè fumante dall’alto. Dovrai quindi guardare dentro al mirino della SQ6 per posizionare correttamente la macchina fotografica. La tazza è lì, proprio al centro. Benissimo, è il momento di scattare. L’otturatore si chiude, la pellicola viene impressa ed esce lentamente dalla fessura.

Dopo 90 secondi (il tempo necessario affinché l’immagine si sviluppi), il dramma. La tazza non è più al centro della foto, ma spostata da una parte. E l’unica cosa che riesci a pensare è che hai sprecato uno scatto.

Purtroppo non c’è molto che si possa fare, se non fare pratica e cercare di conoscere meglio la macchina. Vedrai che poco a poco migliorerai sempre di più.

Ora che abbiamo chiarito questo punto, vediamo quali modalità di scatto offre la Instax SQ6:

  • Automatica: in questo caso la messa a fuoco è di 0.5 – 2 m circa. I colori sono fedeli, la resa generale è molto buona.
  • Selfie: riduce la distanza di messa a fuoco a 0.3 – 0.5 m. Fai molta attenzione a posizionare bene la fotocamera, perché se la distanza è inferiore a 30 cm lo scatto verrà sfocato.
  • Macro: riduce ulteriormente la distanza di messa a fuoco per permetterti di cogliere i dettagli del tuo soggetto.
  • Paesaggio: porta la distanza di messa a fuoco a 2 m – infinito. Questa modalità conferisce una maggiore nitidezza alle foto.
  • Doppia esposizione: permette di realizzare scatti più creativi impressionando due immagini diverse sulla stessa pellicola.
  • Modalità L: si utilizza in condizioni di scarsa luminosità. La macchina rallenta la velocità dell’otturatore per cercare di far entrare più luce possibile. Occorre quindi tenere la Instax ben ferma per tutta la durata dello scatto, altrimenti la foto verrà sfocata.
  • Modalità D: si usa quando c’è troppa luce e serve a scurire i toni dell’immagine, in modo da compensare l’esposizione.

Ricorda che puoi selezionare la modalità desiderata premendo il tasto mode sul retro della fotocamera. Puoi anche attivare o disattivare il flash a seconda della necessità, sempre tramite l’apposito pulsante.

E se ti venisse voglia di fare una foto di gruppo? Nessun problema. Il timer per l’autoscatto ti dà tutto il tempo di metterti in posa insieme ai tuoi amici per scattare una bella foto ricordo.

Ma come vengono le foto?

In generale, devo dire che la qualità delle foto scattate con la Instax SQ6 è abbastanza buona. Come dicevo, i colori sono piuttosto fedeli all’originale, anche se le ombre risultano piuttosto scure e i bianchi tendono a bruciarsi.

La fotocamera fa un buon lavoro nel calcolare l’esposizione corretta. Bisogna più che altro fare attenzione a posizionarla alla giusta distanza dal soggetto per evitare di ottenere foto sfocate.

La doppia esposizione è forse la modalità che preferisco. Ti permette di dare libero sfogo alla tua creatività e di creare immagini uniche dall’aspetto un po’ retrò. E sai qual è la cosa migliore? L’incertezza del risultato, che ti fa trattenere il fiato fino alla fine.

Il costo della pellicola

Ormai si sa, i pack di pellicola per le fotocamere istantanee costano un occhio della testa. Per fortuna sul web si trovano spesso ottime offerte per non andare in bancarotta.

Di norma, il costo di ciascuna istantanea di aggira intorno a € 1. Ogni cartuccia contiene 10 pose e costa circa € 10. Nella maggior parte dei casi vengono vendute in pacchi da 2 cartucce, uno stratagemma che fa risparmiare qualcosina sul totale.

Esistono pellicole di tutti i tipi: con la cornice bianca o nera, colorate oppure con fantasie a tema cartoon. Basta farsi un giro su Amazon per fare una buona scorta al miglior prezzo.

La mia opinione sulla Instax SQ6

Penso che la Instax SQUARE SQ6 sia un ottimo compromesso fra qualità e prezzo. Attualmente si aggira tra i € 100 e i € 120, una cifra decisamente interessante per il tipo di prodotto che ci si ritrova fra le mani.

È una fotocamera istantanea elegante, compatta e facilissima da usare, che permette di ottenere buoni scatti in (quasi) tutte le condizioni. Se proprio vuoi valutare un’alternativa, ti consiglio di dare un’occhiata alla SQ10, che ha un look meno vintage ma più funzionale della Instax SQ6.

L’unico tasto dolente è il costo delle ricariche, ma purtroppo quello è il prezzo da pagare per entrare nel magico mondo delle fotocamere istantanee.

8.5 Total Score
Il fascino del formato quadrato

La Instax SQ6 ha una buone dotazione tecnica, ma soprattutto ri-presenta dopo tanti anni il fascino delle istantanee a formato quadrato. Unico difetto: manca lo schermo LCD posteriore che invece puoi trovare nelle SQ di fascia più alta.

User Rating: Be the first one!

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply