Instax Mini 8: Recensione completa

La Fujifilm Instax Mini 8 è la macchina fotografica istantanea di nuova generazione che ha più venduto in assoluto. Ed è anche stata la principale artefice del ritorno della passione per la fotografia istantanea.

Quadrata, coloratissima, scatta foto in stile vintage senza applicare nessun filtro. E, ovviamente, le stampa pure. Così puoi condividerle subito con gli amici, o con chi vuoi tu.

No, non su Instagram. Nella vita reale.

Fa un po’ strano, lo ammetto. Non ci siamo più abituati. Ma è proprio questa la parte migliore.

Concepita per essere una entry level a basso costo, la Fujifilm Instax Mini 8 è diventata in poco tempo l’oggetto del desiderio di migliaia di millennials e post-millennials in tutto il mondo.

E la cosa non mi stupisce affatto.

La Instax Mini 8 ha un design un po’ trendy e un po’ chic, che personalmente trovo azzeccatissimo. Guarda caso, è la fotocamera istantanea preferita dal 60% delle giovani fashion blogger dei nostri giorni, che ne fanno bella mostra sui loro canali YouTube e Instagram.

Cerchiamo allora di capire se la fama di questa macchinetta firmata Fujifilm è fondata, oppure se è tutto merito del suo bassissimo prezzo.

Il design della Fujifilm Instax Mini 8

A prima vista, la Instax Mini 8 ricorda molto l’icona di quel famoso social network che è Instagram. Sarà un caso? Io non credo, ma questo (alla fine) poco importa.

Quello che c’è da sapere su questa fotocamera istantanea è che pesa poco più di 300 grammi, praticamente quanto un avocado di medie dimensioni.

È invece grande 116 x 118,3 x 68 mm, il che significa che non è comodissima da portare in giro.

Bisogna per forza tenerla in mano, oppure avere sempre con sé una borsetta (o zainetto) in cui riporla. Il formato quadrato infine, è tanto bello da vedere quanto poco pratico da maneggiare per chi non ha delle manone. 

Ma andiamo oltre.

La Instax Mini 8 è disponibile in 7 colorazioni fashion: rosa, azzurro e giallo pastello, bianco e nero, rosso lampone e violetto. È realizzata completamente in plastica, un materiale che la rende leggera ma resistente agli urti. Ah certo, e pure economica.

Insomma, devo fare i miei complimenti a Fujifilm perché ha saputo interpretare al meglio i gusti delle nuove generazioni di utenti, ed è riuscita a mettere insieme un prodotto davvero appealing. Inoltre, è davvero semplice da utilizzare.

Sul corpo macchina della Instax Mini 8 ci sono solo pochi pulsanti:

  • l’interruttore di accensione, situato sotto all’obiettivo,
  • il pulsante di scatto che si trova sul lato destro della macchina, direttamente sull’impugnatura. 

Nella parte superiore del corpo frontale troviamo il flash, il mirino e l’esposimetro, che analizza in automatico le condizioni di luce esterne prima dello scatto.

L’obiettivo è situato al centro, ed è circondato da una ghiera che serve a selezionare la modalità di scatto (ne esistono 5 diverse). E le foto, da dove escono? Da una fessura situata nel lato superiore della fotocamera.

Nella parte posteriore c’è lo sportello in cui inserire la pellicola, oltre a un piccolo indicatore che segnala quante foto mancano al termine della cartuccia.

Sul lato sinistro della macchinetta, invece, troviamo il vano in cui collocare le due pile di tipo AA che servono a far funzionare la Instax Mini 8 (e che garantiscono un’autonomia di circa 100 scatti).

Caratteristiche tecniche della Instax Mini 8 e modalità di scatto

La Instax Mini 8 fa (quasi) tutto da sola perché è semiautomatica. Scatta bene, non c’è che dire. Si accende in un secondo e non c’è nemmeno bisogno di regolare la messa a fuoco, visto che l’ottica è fissa. Il che significa che non c’è nemmeno lo zoom.

Ti riporto la scheda tecnica ufficiale Fujifilm, giusto per accontentare i lettori più esigenti:

  • Formato foto: 62 x 46 mm
  • Lenti: 2 componenti, 2 elementi, f = 60mm, 1: 12,7
  • Mirino: immagine reale mirino 0.37x con spot di destinazione
  • Messa a fuoco: 0.6m – ∞
  • Scatto velocità otturatore: 1/60
  • Controllo esposizione: sistema di commutazione manuale (indicatore LED in esposimetro)
  • Flash: accensione costante (regolazione automatica della luce). Tempo di ricarica: 0,2 sec. a 6 sec. (quando si usano batterie nuove), portata effettiva del flash: 0,6 – 2,7 m
  • Auto spegnimento: sì, dopo 5 minuti di inutilizzo

Al di là dei numeri, credo sia importante sottolineare un paio di cose.

Primo, la Instax Mini 8 non è fatta per scattare fotografie macro.

Ricordatelo quando cercherai di immortalare una coccinella che passeggia su un filo d’erba, perché l’unica cosa che otterrai è una foto sfocata.

E credimi, non ti conviene sprecare uno scatto in questo modo, con quello che costano le pellicole Fujifilm. Ma di questo parleremo più avanti.

La seconda cosa è che la Instax Mini 8 non è fatta nemmeno per scattare fotografie in notturna.

Sì, ha un flash che funziona ma ha una portata ridotta, non si può pretendere più di tanto. 

Modalità di scatto della Mini 8

La Instax Mini 8, da un punto di vista tecnico, è una macchina semplice.

Il che non significa però che non abbia alcune capacità interessanti. 

Pe esempio, ci sono ben 5 modalità di scatto fra cui scegliere: 

  • Indoor: si usa all’interno di spazi chiusi (a casa, nei musei, in edifici di vario genere)
  • Cloudy: adatta quando il cielo è nuvoloso
  • Sunny: indicata per scatti all’aria aperta alla luce del sole
  • Sunny bright: simile alla precedente, viene usata quando la luminosità è ottima
  • Hi-key: accentua le luci e minimizza le ombre, dando un tocco più vintage ai tuoi scatti.

Non male per una macchinetta che puoi trovare ormai a 60 euro.

C’è da dire che non è precisissima al 100%, però è un grosso aiuto specialmente per chi non ha mai avuto a che fare con una fotocamera instantanea prima d’ora.

Puoi cambiare la modalità semplicemente ruotando la ghiera dell’obiettivo, in modo da selezionare quella secondo te più idonea alla situazione.

Una curiosità: non è possibile disattivare il flash in alcun modo. Di giorno, di notte, da vicino o da lontano, si attiverà da solo a ogni scatto.

L’unica maniera per attenuarlo è metterci una mano davanti. Scelta un tantino discutibile, ma non si può pretendere più di tanto da una entry level come la Instax Mini 8.

Pellicole Instax Mini 8

Siamo arrivati al tasto più dolente di tutta la recensione. Sì, perché la fotocamera in sé costa davvero poco, ma il problema sono le pellicole.

Ogni cartuccia Fujifilm contiene 10 scatti. Vengono vendute singolarmente, oppure in pacchi, normalmente da due, a un prezzo di poco meno di € 10 a confezione.

Stiamo quindi parlando di quasi  un euro a foto, che non è affatto poco.

Per fortuna, spesso si trovano delle offerte online che permettono di risparmiare qualche soldo, ma non si può negare che, da questo punto di vista, la fotografia istantanea è un hobby abbastanza costoso.

Ecco perché, nella prossima sezione,  voglio darti qualche consiglio su come scattare al meglio, evitando di “buttare via” la pellicola in scatti mal riusciti. 

Un ultimo dato: le foto impiegano circa 90 secondo per svilupparsi. Non c’è alcun bisogno di scuoterle come le vecchie Polaroid, anzi. Evita proprio di farlo se non vuoi rovinare la tua istantanea. Lascia che si sviluppi da sola e poi potrai farci quello che vuoi.

5 suggerimenti e consigli per scattare con la Instax Mini 8

Quanto tempo è passato dall’ultima volta che hai scattato una foto guardando dentro un mirino e non lo schermo del tuo cellulare?

Secoli forse. C’è persino chi non l’ha mai fatto.

Ormai siamo abituati a fotografare tutto con i nostri smartphone, inquadrando la scena direttamente dal display. Le fotocamere istantanee, invece, ci catapultano indietro nel tempo, quasi all’età della pietra.

(Nota: anche se in realtà, ultimamente, ne sono uscite diverse con display posteriore)

Con la instax mini 8 siamo costretti a ripensare il nostro modo di scattare perché non abbiamo il controllo diretto sul risultato finale. Cioè, non possiamo vedere la foto sul display, dobbiamo fidarci del nostro istinto e del mirino.

Così, come, una volta scattata la foto, non possiamo applicare filtri, né tagliare o modificare la luminosità dell’immagine.

Un incubo per alcuni, una magia per altri.

Voglio darti qualche consiglio per evitare di sprecare scatti preziosi. Vedrai che con un po’ di pratica migliorerai sempre di più, ma almeno saprai da dove iniziare.

  1. Evita di stare troppo vicino al soggetto: l’ho già detto ma lo ripeto, non si sa mai. Se scatti al di sotto della distanza minima di messa a fuoco otterrai un’orribile foto sfocata. A meno che il tuo sia un intenzionale esperimento artistico, ti consiglio di lasciar perdere.

  2. Inquadra bene la scena: quello che vedi nel mirino è il centro della tua immagine ma ciò che verrà ritratto nella fotografia è leggermente più grande, perché il mirino della Instax Mini 8 non ha una copertura del 100%. Dovrai quindi fare un po’ di scatti prima di imparare a padroneggiare al meglio le inquadrature.

  3. Attenzione alla luce: mai, mai e poi mai scattare in controluce con la Instax Mini 8! Così facendo sprecherai uno scatto e brucerai la foto, che verrà totalmente bianca o nera a seconda della posizione del sole. Cerca di tenerlo sempre al lato per illuminare correttamente la scena.

  4. Vetri e riflessi: dimenticati pure degli scatti sognanti fatti dal finestrino del treno o dell’aereo, non ti usciranno mai. Il flash sbatterà sulla superficie del vetro e ti rovinerà la foto. Mettendoci una mano davanti puoi ovviare in parte al problema, ma assicurati di coprirlo molto bene. 

  5. Usa la creatività: hai un paio di occhiali da sole polarizzati? Posiziona una delle lenti davanti all’obiettivo prima di scattare. Sarà come applicare un filtro vintage alla tua fotografia, in maniera del tutto analogica.

Accessori aggiuntivi della Instax Mini 8

C’è tutto un mondo di accessori che ruotano intorno alla Instax Mini 8 di cui ignoravo l’esistenza.

Esistono borsette porta fotocamera super trendy che calzano come un guanto, con tanto di buco da cui far uscire l’otturatore.

Ci sono anche dei filtri colorati che si possono applicare all’obiettivo per ottenere vari tipi di effetti, oppure degli specchietti per i selfie da montare sulla fotocamera (visto che ne è sprovvista).

E che dire dei mini album per raccogliere le istantanee? Una chicca a cui sarà difficile rinunciare. Le mollette portafoto, le pellicole adesive con grafiche particolari, le mini cornici: insomma, c’è tutto un mondo da scoprire per sfruttare al massimo le potenzialità della fotocamera istantanea Fujifilm.

Infine, esistono delle varianti della Instax mini 8 ormai famosissime: 

La mia opinione sulla Instax Mini 8

Cosa penso della Instax Mini 8?

Credo che sia una macchinetta divertente con cui avvicinarsi al mondo della fotografia istantanea, anche se è un po’ limitata. Non ha l’autoscatto, la doppia esposizione, né l’attacco per il treppiede. Ma va bene così. In fondo stiamo sempre parlando di una entry level e, come già detto, non possiamo pretendere più di tanto.

Oggi il suo prezzo oscilla tra i € 57 e gli € 85, a seconda del rivenditore. Ed è probabilmente la più economica fra tutte le fotocamere istantanee sul mercato.

Certo, c’è poi da considerare il costo (non indifferente) delle pellicole. Eppure credo che valga decisamente la pena comprare una Mini 8, in particolare a chiunque subisca il fascino del vintage e voglia sperimentare una forma diversa di condivisione.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply